Antiriciclaggio: controlli e risposte. Il Customer-Care.

antiriclaggio controlli
Sarà un anno denso di attività per molti studi di professionisti. Ha fatto rumore la notizia divulgata i primi di questo mese dai media finanziari, circa l’annuncio della Guardia di Finanza: entro il 30 aprile partiranno circa 3.000 controlli presso studi di commercialisti, al fine di verificare “fenomeni evasivi” sia degli stessi che dei loro clienti.

Una brutta sorpresa? Ne dubitiamo. Da tempo conosciamo la linea scelta dalle autorità e dai legislatori, una linea che vede inasprimenti delle verifiche e maggiori oneri a carico dei professionisti. I commenti delle loro associazioni di categoria e le analisi degli esperti del settore, concordano nel segnalare da tempo la non corrispondenza di quanto legiferato  rispetto ai risultati raccolti.
Le segnalazioni di inadempienza, infatti, riguardano in minima parte commercialisti ed esperti contabili, tuttavia questi vengono ulteriormente resi responsabili di eventi ed attività che snaturano il loro ruolo primario e complicano indicibilmente il lavoro quotidiano dei loro studi.

antiriciclaggioComprendere le articolate implicazioni delle norme e della loro interpretazione ed applicazione, nella vita reale dei professionisti che affianchiamo in Alavie, è stato utile e si è sicuramente arricchito da quando abbiamo intensificato la collaborazione con le associazioni di categoria di Commercialisti ed Esperti Contabili, prevedendo interazioni ed approfondimenti finalizzati a realizzare strumenti e soluzioni concretamente efficaci. L’Antiriciclaggio è stato sin dall’inizio uno dei temi maggiormente affrontati nel corso dei nostri incontri e dei documenti via via sviluppati.

CUSTOMER CARE: ALERT ED APPROFONDIMENTI.

Nel caso della notizia in oggetto – come per ogni altra segnalazione di attività di controllo o di aggiornamento normativo – il nostro Customer Care attiva brevi messaggi di attenzione! che, insieme al protocollo di affiancamento previsto, mantengono nei nostri clienti il giusto livello la sensibilità verso la materia.
Una sensibilità che poi si trasmette all’attività.

La collaborazione continua  contribuisce inoltre a sviluppare informazione utile: circa l’Antiriciclaggio, nei prossimi giorni vi aggiorneremo ulteriormente anche in tempo reale, dalla sede del 51.mo Congresso dell’UNGDEC, in preparazione dal 18 al 20 aprile ad Asti, dove l’argomento non mancherà di essere discusso. Le loro posizioni sull’Antiriciclaggio sono motivate e condivisibili. I nostri questionari preparati per identificare meglio i punti di maggior interesse dei convenuti.

Ogni altra riflessione prevista in quel contesto sarà sicuramente utile a tutti gli operatori del settore.
_____________________________________________

Fonte: Sole 24Ore – art. di M.Bellinazzo del 3.4.2013