Le Aziende, i professionisti e la Responsabilità Amministrativa degli Enti (d. lgs 231/01)

resp-amminist-enti Quando parliamo  di Modello Organizzativo 231 con professionisti o aziende e dei loro rapporti con gli Enti, non tutti hanno le idee chiare su obbligo, opportunità e valore della sua adozione. I commercialisti in genere, come evidenziato anche in un recente ed approfondito studio pubblicato dal Consiglio Naz. dei Dott. Commercialisti ed Esperti Contabili, trovano nella sua applicazione nuovi ruoli ed opportunità, a patto di acquisire la competenza giuridica ed amministrativa specifica.

PROFESSIONISTI

Nell’interesse dei commercialisti, quindi, contribuiamo a divulgare il testo originale (PDF scaricabile dalla barra sottostante) dello studio citato, di cui pubblichiamo di seguito un brevissimo stralcio dalla presentazione:

“…La conoscenza specifica delle materie economico aziendali e del diritto d’impresa possono consentire al commercialista di svolgere con competenza non soltanto le suddette attività di verifica, ma anche quelle connesse alla concreta elaborazione del modello organizzativo… Con la medesima competenza il commercialista potrà coadiuvare l’autorità giudiziaria chiamata a pronunciarsi in merito alla validità esimente del modello..” Link dal sito >>

Aggiungiamo che se è vero che i commercialisti competenti sono i primi consulenti diretti delle imprese, atti a sensibilizzare i clienti ed a segnalare i casi in cui sia doveroso e/o opportuno per l’azienda adottare il Modello 231, è anche vero che manager ed imprenditori non possono non informarsi adeguatamente sull’importanza dell’argomento.

AZIENDE grandi e medie- 231 per tutelarsi

Sebbene il Mod. Org. 231 non sia obbligatorio – tranne che in specifici contesti – la sua adozione permette di garantire controllo e quindi prevenzione. Sono numerosi infatti i reati in cui si può incorrere non adottando precise regole di gestione dei flussi di attività ed informazioni amministrative e finanziarie.

Ne abbiamo trattato in questi recenti articoli:

231 e Sicurezza | 231 e Studi professionali | 231 e Anticorruzione

Sul sito di Assolombarda, oltre all’elenco dei reati previsti dal decreto sulla responsabilità amministrativa degli enti – D.Lgs 231/2001, sono reperibili altri documenti utili, a testimonianza dell’interesse delle Grandi Aziende verso l’adeguamento 231.

Ma le medie imprese, ed anche le piccole, in circostanze in cui abbiano rapporti con gli Enti, sono generalmente poco attente allo strumento normativo che invece si dimostra il vero e solo scudo di protezione e garanzia della propria trasparenza e buona amministrazione.

La Responsabilità Sociale ed Amministrativa è la chiave di tutti i recenti aggiornamenti legislativi che oltre a maggiore controllo ed efficienza delle aziende in Sicurezza, Privacy ed Antiriciclaggio, perseguono l’obiettivo di una maggiore Qualità dell’imprenditorialità italiana, per una solida e continua presenza nel mercato mondiale.

__________ Ministero della Giustizia: Normativa – aggior. al febb. 2013 – sulla responsabilità amministrativa