Adottare e certificare un Sistema di Gestione maggiormente attinente alla realtà aziendale.

Con tale termine si intendono tutti i sistemi di gestione organizzativi implementati nelle organizzazioni (es. società, aziende) nei diversi settori in cui operano (es. manifatturiero, alimentare, servizi, costruzioni, ecc.) in riferimento ai requisiti espressi da una serie di norme internazionali.

L’adesione alle norme è volontaria, a meno che non siano citate come testi cogenti in atti legislativi specifici. Esistono, quindi, gli organismi accreditati secondo norme internazionali che rilasciano appunto la certificazione dei sistemi di gestione a seguito di verifiche ispettive condotte, secondo precisi regolamenti concordati, presso l’organizzazione richiedente.

La certificazione dei sistemi di gestione assicura la capacità di un’organizzazione produttrice di beni o fornitrice di servizi di strutturarsi e gestire le proprie risorse e i propri processi produttivi in modo da soddisfare determinati bisogni di qualità – economica, ambientale, etica, di sicurezza – tramite la conformità a requisiti stabiliti dai riferimenti normativi e di legge.

La certificazione dei sistemi di gestione rappresenta dunque una forma “indiretta” di assicurazione della qualità.

Gli Organismi accreditati per la certificazione dei sistemi di gestione sono generalmente accreditati da Accredia, l’ente nato nel giugno 2009 dalla fusione di Sincert, Sistema nazionale per l’accreditamento degli organismi di certificazione e ispezione, con Sinal, Sistema nazionale per l’accreditamento dei laboratori.

Di seguito i principali Sistemi di Gestione:

  • Sistemi di gestione qualità per il settore medicale – ISO 13485
  • Sistemi di gestione qualità per il settore automotive – ISO/TS 16949
  • Sistemi di gestione per la cosmetica (GMP) – ISO 22716
  • Sistemi di gestione per la qualità – ISO 9001

La UNI EN ISO 9001 è stata la prima norma che ha diffuso i sistemi qualità in Italia e nel mondo.

L’efficace funzionamento del sistema di gestione consente non solo di ottimizzare la prestazione aziendale attraverso una maggiore efficienza dei processi produttivi, ma soprattutto di limitare le eventuali contestazioni dei clienti, contribuendo così al miglioramento complessivo dell’immagine aziendale, consentendo pertanto all’azienda di individuare i punti critici dei propri processi produttivi e di definire i parametri ottimali per tenerli sotto controllo.

  • Sistemi di gestione ambientale – ISO 14001

  • Verifica e convalida della dichiarazione ambientale ai fini della Registrazione EMAS

L’applicazione di un sistema di gestione per l’ambiente consente ad un’azienda di individuare, tenere sotto controllo e migliorare le proprie interazioni con l’ambiente, riducendone gli impatti.

La norma di riferimento – la UNI EN ISO 14001, riconosciuta a livello internazionale – descrive il circolo virtuoso da attuare affinché il miglioramento delle prestazioni ambientali sia concreto e percepito da tutte le parti interessate, riducendo in questo modo la probabilità di incorrere in sanzioni da parte degli organismi di controllo e migliorando i rapporti con i clienti e con le comunità locali che vivono nei pressi del sito/impianto certificato.

La registrazione EMAS è una attestazione, riconosciuta a livello europeo, dell’eccellenza nel gestire al meglio le interazioni con l’ambiente e un riconoscimento dell’impegno al miglioramento continuo. Condizione necessaria per avviare l’iter di registrazione EMAS è avere un sistema di gestione per l’ambiente conforme alla norma UNI EN ISO 14001 ed aver redatto la Dichiarazione ambientale.

  • Sistemi di gestione dell’energia – ISO 50001

La norma ISO 50001 offre alle aziende uno strumento utile a gestire tutte le tematiche legate all´energia.

L´applicazione del sistema di gestione per l´energia parte da una diagnosi energetica in cui si analizzano in dettaglio i consumi. Nel caso dei sistemi di gestione per l´energia i miglioramenti si quantificano in risparmi energetici e quindi, direttamente, in risparmio sui costi.

Le aziende che già applicano un sistema di gestione per l´ambiente conforme alla UNI EN ISO 14001 possono trovare nella ISO 50001 il naturale compendio per migliorare la gestione dell´energia ed il risparmio economico conseguente.

L’applicazione del protocollo di Kyoto ha portato all’istituzione, a livello globale, del mercato dei diritti all’emissione in atmosfera dei gas serra (emission trading).

Alle aziende che ricadono nell’applicazione della Direttiva 2003/87/CE e successive integrazioni (nel settore delle costruzioni la produzione di cemento, di calce e di alcuni tipi di laterizi) è stato assegnato un certo quantitativo di quote; le reali emissioni di gas serra vengono monitorate e per ogni tonnellata emessa è necessario restituire una quota.

  • Sistemi di gestione per la salute e la sicurezza sul lavoro – BS OHSAS 18001

La salute e sicurezza dei lavoratori è un argomento di stretta attualità. L’efficace applicazione di un sistema di gestione conforme alla norma BS OHSAS 18001:2007 costituisce, ad oggi, la migliore garanzia che un datore di lavoro può dimostrare di avere fatto tutto quanto possibile per prevenire infortuni e malattie professionali. L’efficacia di questo sistema di gestione è riconosciuta anche dalla legge: per il D.Lgs 81/2008 “Testo unico sulla salute e sicurezza sul luogo di lavoro” le aziende che operano in conformità alla norma BS OHSAS 18001:2007 sono esonerate dalla responsabilità amministrativa in caso di incidente o infortunio grave.

  • Sistemi di gestione per la responsabilità sociale – SA 8000

La norma SA 8000 è stata emanata da Sai (Social Accountability International) al fine di consentire alle aziende di gestire le responsabilità sociali connesse alla propria attività e di dare dimostrazione, attraverso una certificazione indipendente, del rispetto delle regole etiche di comportamento.

Temi come il lavoro minorile o il lavoro obbligato sembrano lontani dalla nostra realtà quotidiana. In realtà l’affidamento all’esterno delle attività, spesso in Paesi in via di sviluppo, comporta il rischio di perdere il controllo sul modo in cui vengono trattati i lavoratori. Impostando un sistema di gestione SA 8000 l’azienda deve analizzare tutti gli aspetti legati alle relazioni con i lavoratori, dipendenti diretti o operanti per i fornitori critici.

  • D.Lgs 231/2001

Il D.Lgs. 231/2001 è un decreto legge ma ben si sposa con i Sistemi di Gestione, introduce il concetto della responsabilità amministrativa d´impresa: se le persone che lavorano per l´azienda commettono uno dei “reati presupposto” elencati nel decreto, l´azienda ne risponde con sanzioni estremamente gravose.

E´ possibile mettersi al riparo da queste sanzioni attuando un “modello organizzativo” secondo le linee guida indicate dal decreto e il cui punto cardine è l´organismo di vigilanza che deve sorvegliare sull´applicazione del modello.

  • Sistemi di gestione della sicurezza delle informazioni – ISO/IEC 27001

La sicurezza dei sistemi informatici rappresenta oggi una delle priorità per molte società che operano in realtà economiche nazionali ed internazionali.

La tutela della privacy ha comportato che anche tutti i dati cartacei ed elettronici debbano essere soggetti ai requisiti minimi di sicurezza (come ampiamente confermato dalla Legge 675/96, dal DPR 318/99 e dal nuovo Codice in materia di protezione dei dati personali 196/03), diventa dunque indispensabile rendere operativo un Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni (SGSI) basato su un insieme di controlli, derivanti dalle politiche aziendali e da applicare a tutti i processi di business e di supporto.

  • Sistemi di gestione della sicurezza alimentare – ISO 22000

  • Sistemi di autocontrollo basati sul metodo HACCP

La richiesta di sicurezza nel settore agroalimentare ha portato negli anni alla pubblicazione di numerose norme e procedure che regolamentassero il settore. Ultima arrivata la ISO 22000:2005, una norma volontaria che si propone di armonizzare su un livello globale le esigenze di un’organizzazione aziendale finalizzata alla sicurezza alimentare.

La ISO 22000:2005 permette ad ogni azienda, di grandi o piccole dimensioni, con un management più o meno sviluppato, di mirare ad un sistema di gestione della sicurezza alimentare più focalizzato, coerente ed integrato con la propria realtà, rispetto a quanto già messo in atto dalle stesse aziende per sottostare alla normativa vigente.