COMMERCIALISTI E FUTURO POSSIBILE – 3 domande a DANIELE TUMIETTO sull’innovazione tecnologica ed i benefici per la categoria.

Daniele, come vedi il futuro della tua professione?

Prima di tutto, lo vedo “condiviso”, ovvero, ciò che auspico è che le Nuove Tecnologie ci aiutino non soltanto a razionalizzare il nostro lavoro, ma anche a creare una grande “rete” in cui i professionisti trovino supporto e risorse a cui altrimenti molti piccoli studi non avrebbero accesso e che altresì divenga più forte come soggetto capace di influire sulle scelte dei legislatori. Collaboro con il Ministero dell’Economia per sviluppare proposte tecniche sul piano normativo e fiscale, ma c’è ancora moltissimo da fare (anche all’interno della categoria) per migliorare la qualità del nostro lavoro attraverso la condivisione di competenze utili a svolgere la nostra professione compiutamente.

Quanto ritieni che l’Information Communication Technology sia recepita e soprattutto possa cambiare la vostra professione?

E’ evidente che l’innovazione digitale rappresenti un’importantissima leva per ottimizzare l’attività dei professionisti. Per comprenderne l’aspetto pratico, basta leggere, ad esempio, questo articolo di Salvatore De Benedictis, uno dei colleghi con i quali condivido impegni e vision, che mostra a chiare lettere come la Fatturazione Elettronica sia un’opportunità per i commercialisti.

Il nostro attuale impegno nella divulgazione nasce, appunto, da un evidente bisogno della categoria di raggiungere, tutti, una maggiore conoscenza di questi mezzi per fini assolutamente pratici. Il nostro, infatti è un approccio da “futuristi pragmatici”, consapevoli della necessità di un “upgrade” generale, da parte di imprese, professionisti e sicuramente legislatori, che cambi sensibilmente, attraverso processi innovativi, la qualità del nostro lavoro, razionalizzando le procedure ed il dialogo con clienti e Pubblica Amministrazione.

Dal Convegno Euronot@ries – Anorc sul nuovo Regolamento Unico Europeo eIDAS, insieme ai notai, quali, gli “spunti” principali per un futuro possibile?

Il Regolamento eIDAS entrerà in vigore il 1 luglio 2016 e stabilirà le condizioni per il riconoscimento reciproco, in tutti gli Stati membri dell’UE, in ambito di identificazione elettronica e regole comuni per le firme elettroniche, l’autenticazione dei siti web ed i relativi servizi fiduciari per le transazioni.Tutto l’impianto normativo del Regolamento eIDAS ha come obiettivo quello di adottore a livello europeo un quadro giuridico e tecnico unico, omogenee ed interoperabile sulle firme elettroniche, sui sigilli elettronici, sulle validazioni temporali elettroniche, sui documenti elettronici ed i servizi di raccomandata elettronica. Come si può facilmente comprendere è un’autentica rivoluzione che ci vedrà pesantemente coinvolti, quindi un’ulteriore nuova opportunità di innovare la professione!

————————-

CHI E’ DANIELE E COME NE PARLANO:

Daniele Tumietto (qui il suo profilo su Facebook), Commercialista milanese, è una figura di spicco nelle comunità di professionisti, commercialisti ma non solo, per il suo costante impegno nella diffusione delle Nuove Tecnologie per la Comunicazione. E’ componente della commissione informatica presso il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e l’Ordine di Milano.

Fra i primi in Italia, del suo settore, ad usare i Social Media come strumento di relazione ed informazione per scopi professionali, partecipa attivamente anche in varie associazioni che hanno come scopo la semplificazione burocratica e la tutela dei contribuenti.
Commercialista partner di Menocarta, una “Rete di imprese” del settore ITC per servizi professionali, rivolta principalmente ai Dottori Commercialisti ed Aziende ed Enti da loro supportati, quale partner tecnologico e di processo per un supporto operativo nei progetti aziendali di dematerializzazione e conservazione sostitutiva a norma è altresì in prima linea come Presidente di Asccanus, associazione di commercialisti contro l’usura e l’anatocismo bancario.

I molti colleghi che approcciano questi argomenti per la prima volta, descrivono Daniele come una risorsa umana e professionale costantemente disponibile, che divulga sempre l’informazione più aggiornata. Instancabile su Twitter, Linkedin e Facebook, la timeline dei suoi profili Social è una bacheca di preziose informazioni. Ma anche di personali riflessioni che mostrano, oltre al professionista, le sue aspirazioni di uomo e di cittadino italiano: meritocrazia, etica, razionalizzazione, benessere condiviso, tutela contro abusi del diritto e di ogni forma di speculazione.
Numerosi in questi ultimi mesi i suoi interventi con Menocarta, in convegni svolti dal nord al sud del Paese, dove attraverso i commenti dei partecipanti (postati sempre sui Social Media), si percepisce il livello di fiducia e positività che Daniele Tumietto riesce ad evocare, diventando un altro incoraggiante riferimento per tutti i professionisti che, attraverso le sue esperienze e testimonianze, scoprono nuove opportunità di lavoro, acquisendo le specifiche competenze riguardanti, ad esempio con Menocarta, i supporti per razionalizzare le proprie procedure di trattamento di documenti e dati condivisi o, attraverso Asccanus, le analisi della situazione del cliente nei confronti del rapporto con gli istituti di credito.

In questo post, il suo recente articolo inerente la Fattura Elettronica, pubblicato su “Il Documento Digitale” in merito alla Circolare 18/E.

Di seguito i link alle associazioni e Reti citate, che presiede o con le quali condivide attivamente impegno ed iniziative:

MENOCARTA

Forum sulla Fatturazione Elettronica

Associazione ASCCANUS

Euronot@ries

Forum della meritocrazia

Agenzia Digitale Italiana

daniele tumietto2