Antiriciclaggio: Cliente reticente, sanzioni penali

Se il cliente non fornisce alla Banca, Intermediario, Commercialista o professionista tutte le informazioni previste dalla normativa antiriciclaggio, rischia conseguenze di carattere penale. L’art. 21 del Dlgs 231/2007 prevede infatti

“I clienti forniscono, sotto la propria responsabilità, tutte le informazioni necessarie e aggiornate per consentire ai soggetti destinatari del presente decreto di adempiere agli obblighi di adeguata verifica della clientela. Ai fini dell’identificazione del titolare effettivo, i clienti forniscono per iscritto, sotto la propria responsabilità, tutte le informazioni necessarie e aggiornate delle quali siano a conoscenza.”

Le sanzioni vanno da  5 mila a 50 mila euro, e l’arresto da sei mesi a tre anni.

Non solo: come già segnalato precedentemente, le Banche devono (in caso di mancanza delle informazioni necessarie e previste dall’Antiriciclaggio) restituire i fondi al cliente e chiudergli il conto.

Mettendosi nei panni delle aziende, questo tipo di comportamento apparentemente reticente e non collaborativo può scaturire (come ben evidenziato dall’articolo del Sole 24 Ore del 19 Ottobre 2012) da disaccordi con l’ente bancario, da un’errata percezione degli obblighi o da semplici disattenzioni e carenze nella consapevolezza delle norme.

Dato però che l’ignoranza della legge non mette al riparo dalle conseguenze, si riconferma la fondamentale utilità di avere a disposizione, per quanto riguarda l’Antiriciclaggio, un partner affidabile e competente – che permetta all’azienda di prevenire l’insorgere di situazioni a rischio.

Alavie, per mettersi in regola con la 231

Mettersi a norma con la 231 non è una cosa troppo difficile: si tratta di sviluppare e adottare, su base continuativa, un apposito Modello Organizzativo, gestione e controllo dell’impresa. Adottando le disposizioni organizzative e procedurali previste dalla legge.

Moltissime aziende non sono però esperte in materia – e affacciarsi al mondo della 231 o “rimettere a posto” ciò che si è fatto (non sempre in maniera corretta) può richiedere tempo ed energie, che per l’azienda potrebbero essere meglio spese concentrandosi sul proprio core business. Di qui l’utilità e il vantaggio di ricorrere ad un consulente esperto, purché competente ed efficiente.

Per la 231 Alavie è la soluzione

Anche in questo caso, nella nostra posizione di consulenti esperti specializzati nel campo della Legge 231, possiamo aiutare anche voi ad affrontare con efficienza e rapidità la situazione, mettendovi al riparo da conseguenze molto sgradevoli; così come abbiamo già fatto per molte aziende.

Visitate il sito Alavie.itcontattateci – sulla 231 potremo darvi una mano a tutelarvi in modo rapido, efficiente ed economico.

 

Condividi questo articolo

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email

Valuta l’efficienza nella gestione
dell’antiriciclaggio nello studio professionale