Antiriciclaggio, i commercialisti dovranno smettere di seguire il cliente e le Banche restituire i soldi se…

E’ entrato in vigore il decreto legislativo 169/2012 che ha pesanti implicazioni per i Commercialisti, i loro clienti e le Banche.

In estrema sintesi, nel caso in cui il Commercialista non abbia tutte le informazioni necessarie per attribuire al cliente il profilo antiriciclaggio, non potrà più continuare a seguire questo cliente.

In sostanza viene automaticamente a risolversi il rapporto contrattuale per la sopravvenuta mancanza di un requisito essenziale. Dunque, il commercialista non potrà più lavorare per questo cliente fino a  quando non potrà avere accesso a tutte le informazioni essenziali per costruire il profilo antiriciclaggio.

La Banca dovrà chiudere il conto

Per quello che riguarda le Banche, queste si troveranno nella condizione di dover “restituire” i soldi al Cliente, qualora non sia possibile compiere le adeguate verifiche.

In sostanza, quando la Banca non possa rispettare gli obblighi di adeguata verifica dovrà chiudergli il conto e bonificare tutti i soldi del cliente che ha in giacenza presso un altro conto, su un’altra Banca, indicata dal Cliente (che, ovviamente, dovrà essere a sua volta in grado di rispettare gli obblighi di verifica dell’antiriciclaggio).

Anche i Commercialisti dovranno restituire al cliente fondi, strumenti e altre disponibilità finanziare in loro possesso.

Una situazione da evitare assolutamente

Questa norma introduce evidentemente elevate complessità e complicazioni per il lavoro di Banche, Commercialisti e Aziende, ed è quindi fondamentale intervenire immediatamente per sanare le divergenze rispetto all’obbligo della normativa, in modo da poter continuare gli ordinari rapporti di collaborazione Commercialista-cliente e Banca – cliente, per evitare di perdere clientela e per poter continuare a lavorare ordinatamente.

Anche su questo fronte, Alavie può essere la buona soluzione.

Alavie, il consulente specializzato sull’Antiriciclaggio, può mettere a disposizione la propria competenza per un intervento rapido che sani le inosservanze delle norme e rimettere in carreggiata i processi; garantendo una ordinata prosecuzione dei rapporti di collaborazione in essere.

Alavie, per aiutarvi sull’antiriciclaggio  ha messo a punto una metodologia unica per permettere di rispettare tutte le norme antiriciclaggio senza complicazioni, in modo efficiente ed economico; salvaguardando gli investimenti già fatti in software e senza gettare quanto già fatto finora.

Risparmiando tempo e denaro, senza distogliere attenzione e risorse dall’attività principale dello studio.

Alavie, il consulente specializzato per i Commercialisti e i professionisti.

Alavie è partner dell’ Associazione Nazionale Commercialisti (ANC) e dell’Unione Nazionale Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili (UNGDCEC) ed è una società di consulenza specializzata nella Privacy e l’Antiriciclaggio che in oltre 15 anni di esperienza nel settore ha aiutato oltre 4.000 aziende e centinaia di studi commercialisti.

Per scoprire cosa potremmo fare per voi e aiutarvi a tutelarvi rispetto alle norme (vecchie e nuove) sulla Privacy e l’Antiriciclaggio contattateci – anche solo per verificare se davvero siete compliant  – cliccando qui.

Condividi questo articolo

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email

Valuta l’efficienza nella gestione
dell’antiriciclaggio nello studio professionale