Controlli antiriciclaggio e sanzioni. 2: Le fasi della verifica

< Parte 1:  Perché scatta l’indagine.

< Parte 3: L’accesso allo studio.

In questa parte ci occupiamo nel dettaglio delle attività di verifica Antiriciclaggio da parte della Gdf verso i professionisti.

LE FASI DELLA VERIFICA:

In generale, la verifica si articola secondo uno schema strutturato in fasi:

1. attività propedeutiche di studio e analisi da svolgersi prima che inizi l’accesso.

2. accesso presso le sedi dei soggetti vigilati.

3. accertamenti di merito, finalizzati a verificare il rispetto degli obblighi previsti dal D.Lgs. 231/2007 in materia di:

– istituzione del Registro della Clientela o dell’Archivio Unico Informatico (AUI);
– adeguata verifica della clientela ed individuazione del titolare effettivo;
– registrazione e conservazione dei dati e delle informazioni;
– segnalazione delle operazioni sospette;
– comunicazione delle infrazioni per l’uso del contante al Ministero dell’Economia e delle Finanze;
– doveri di informazione del collegio sindacale e di tutti i soggetti incaricati del controllo di gestione.

Particolare attenzione è mostrata nell’esame delle registrazioni effettuate sul Registro della Clientela o sull’AUI, effettuando anche riscontri rispetto alla documentazione eventualmente acquisita preliminarmente all’intervento o nel corso dell’accesso. Nel dettaglio, l’unità operativa della GdF procede ad accertare che le registrazioni:

– siano state effettuate tempestivamente;
– contengano tutte le informazioni richieste dalla legge;
– siano state regolarmente effettuate, anche con riferimento alle operazioni frazionate.

4. ispezione documentale, tesa ad appurare l’esattezza e la completezza degli adempimenti antiriciclaggio o degli altri obblighi assegnati al soggetto vigilato dalla disciplina di settore. In sede di ispezione documentale particolare attenzione è rivolta per:

– rinvenire documenti attestanti trasferimenti di denaro contante e titoli al portatore d’importo pari o superiore a 1.000 euro;
– acquisire ogni altra documentazione, anche extracontabile, utile ai fini dell’attività di controllo.

5. rilevazione di eventuali irregolarità e delle connesse violazioni penali e/o amministrative;

6. trasmissione degli atti alle autorità competenti per l’eventuale irrogazione delle sanzioni.

Condividi questo articolo

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email

Valuta l’efficienza nella gestione
dell’antiriciclaggio nello studio professionale