Sicurezza: DVR, la vera standardizzazione è l'intelligenza.

dvr-anLe procedure standardizzate per la valutazione dei rischi hanno visto crescere, negli anni, un’offerta indiscriminata o senz’altro a volte difficile, per l’utente, da discriminare e valutare, che vede nello stesso “paniere della promozione”: consulenze, formazione, modulistica, software, risorse gratuite online…

Parlando poi di DVR, cercando su Google e senza un’adeguata preparazione giuridica in materia, un utente può avere la sensazione che trattasi di un modulino da scaricare e compilare adeguatamente o al massimo con l’aiuto di un programma standard.

Oppure c’è il contatto con un assistente commerciale che, al telefono, ma anche su facebook, skype o in google-chat, ti dà una risposta standard anche quella, che suona più o meno così: “La nostra soluzione (software, consulenza, modulo che sia), rispecchia gli standard di cui alla normativa corrente“.

Standard secondo che cosa?
I rischi, come già detto – e non solo su questo blog – si possono realmente prevedere solo quando si prende in considerazione il contesto aziendale in modo soggettivo. Perché pure nell’oggettività di certe standardizzazioni, nelle aziende vi sono strutture e macchinari, ma soprattutto persone e procedure che vanno conosciute e considerate con rigorosa meticolosità, sempre ai fini di una efficace compilazione del DVR, efficace ai fini di un controllo e soprattutto di una vera prevenzione.

Quindi è auspicabile che lo standard sia l’intelligenza di consulenti ed imprenditori, nel concepire il modo di adempiere ad una norma come un salto di qualità aziendale, che permette di acquisire e dimostrare maggior controllo dell’impresa, della sua Sicurezza nonché della sua Responsabilità Sociale.

Condividi questo articolo

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email

Valuta l’efficienza nella gestione
dell’antiriciclaggio nello studio professionale